0

Il pressbook di Fast and Furious 6/6: Filmare gli stunts

Fast and Furius Solo parti originali Vin Diesel Paul Walker 09

Eccoci giunti all’ultimo appuntamento con il pressbook di Fast and Furious – Solo parti originali. Spero che sia servito a far crescere in voi ancor di più la voglia di vedere presto questo film al cinema, ricordo che la Universal Pictures International Italy lo distribuirà da noi a partire dal 17 aprile.

I produttori e Lin sapevano che l’azione sarebbe stata uno degli elementi chiave per soddisfare i fan, insieme alla tanto sospirata riunione di famiglia tra Dom, Letty, Brian e Mia. Sono trascorsi otto anni e, sebbene i gareggianti siano cambiati, il mondo delle corse clandestine su strada di Los Angeles rimane sempre lo stesso. Brian trascorre le sue giornate inseguendo i criminali a bordo della sua automobile standard dell’FBI, una Crown Victoria, e Dom è un mito le cui imprese sono ormai eclissate dai giovani piloti emergenti.

Fast and Furius Solo parti originali Vin Diesel Paul Walker 08

Lin, il direttore della fotografia Mokri e il regista della 2a unità Leonard hanno dimostrato di aver fatto bene i compiti a casa quando si è trattato di realizzare delle sequenze di inseguimento visibilmente credibili. Per restare fedeli alla sottocultura delle corse clandestine su strada, hanno voluto infondere la storia di momenti volti a soddisfare i fan più incontentabili…oltre ad incrementare la sfida per quel che riguardava l’azione e, logicamente, per i personaggi.

“Una lezione importante che ho appreso da Tokyo Drift è stata come portare il pericolo sullo schermo senza che nessuno corra dei rischi”, spiega Lin. “Niente può battere queste automobili quando sono sulla strada — il modo in cui voltano, saltano e atterrano. Ed eravamo tutti emozionati all’idea di poter rendere le scene ancora più autentiche”.

Fast Furious Solo parti originali Vin Diesel Paul Walker Jordana Brewster 20

Per Walzer era fondamentale che le scene alla guida di Fast & Furious – Solo parti originali riflettessero i movimenti per le strade di Los Angeles e nei tunnel in Messico facendoli apparire il più reali possibile. “I primi due film erano iper-realistici, specialmente 2 Fast 2 Furious”, afferma l’attore.

“Desideravo che le scene al volante in questo film fossero il più realistiche possibile. Ho sempre pensato che il modo di guidare di Brian fosse diverso da quello degli altri: lui è più uno che va da un punto A ad un punto B in linea retta, piuttosto che uno che scivola e curva a tutta birra”.

Aggiunge il regista:

“E’ stato fantastico discutere con Paul delle automobili. E’ molto preparato sul design e sulle vetture di importazione, cose che sono cambiate molto nel tempo, e noi volevamo tenerne assolutamente conto. Questa volta, desidero migliorare il reale design delle auto, piuttosto che tentare di decorarle”.

Fast and Furious Solo parti originali Vin Diesel Paul Walker Michelle Rodriguez Jordana Brewster 46

Dalle corse mozzafiato nei tunnel alle inversioni ad U in città da far rizzare i capelli, i realizzatori si sono affidati a Leonard per l’esecuzione delle audaci manovre previste dalla sceneggiatura di Morgan. Oltre al coordinatore degli stunt Freddie Hice, Leonard ha disegnato le sequenze estreme e coreografato le manovre sempre più mozzafiato che gli affezionati della serie ormai si aspettano di trovare in ogni nuovo film.

Utilizzando come camera-car la ormai collaudatissima Porsche Cayenne, il fuoristrada M1 Off-Road Buggy e il MIC RIG, disegnato dal coordinatore degli stunt di The Fast and the Furious Mic Rodgers, sono riusciti ad assicurare al pubblico una “cavalcata” memorabile.

Riferendosi ad una scena alla guida che è stato costretto ad improvvisare, Walker racconta:

“Justin mi ha chiesto di arrivare a tutta velocità e poi rallentare fino a fermarmi. Era la seconda ripresa della stessa scena, quindi ho pensato che sarei potuto essere un po’ più veloce. Spingevo e spingevo e, ad un certo punto, pensavo che sarei uscito dal quartiere. Sulla strada c’era un sacco di terra, e le gomme erano semi lisce [per una migliore performance sull’asfalto liscio], quindi non avevano molta presa, – continua – avevo raggiunto le 80 miglia all’ora quando finalmente mi sono fermato, a pochi centimetri da un’auto parcheggiata. E’ stato un po’ rischioso, ma non si poteva fare di più o renderla più emozionante”.

Fast and Furious Solo parti originali Vin Diesel Paul Walker Michelle Rodriguez Jordana Brewster 25

Per ricreare l’inseguimento dell’autocisterna da parte di Dom e Letty nella Repubblica Dominicana, era necessario che la scena venisse ripresa da entrambe le unità per poterne cogliere tutte le angolazioni. Nel corso delle varie settimane, la produzione ha utilizzato delle macchine speciali con speciali dettagli fatti su misura. Tra esse c’erano una Buick GNXs multipla — perfettamente equipaggiata per eseguire vari tipi di stunt (per esempio, guidare in retromarcia ad alta velocità) —, delle autocisterne telecomandate (in grado di muoversi senza pilota o di rimorchiare altre autocisterne) e delle autocisterne con la guida sul retro.

Diesel e Rodriguez hanno potuto sperimentare una bella sequenza adrenalinica in prima persona, ma la Rodriguez in misura maggiore insieme alla sua controfigura Heidi Moneymaker, quando entrambe, secondo la Rodriguez, “sono rimaste appese fuori dall’autocisterna a 25 miglia all’ora”. Per impersonare la scavezzacollo Letty, si sono arrampicate fuori dalla cisterna e sono rimaste appese per salvarsi la vita.

Diesel riassume così le sensazioni della troupe e degli attori nel trovarsi al volante. Ricorda:

“Fare giravolte di 180 gradi, di 360 gradi, di 90 gradi…è stato molto divertente rimettersi al volante. Un vero amante delle automobili vi dirà che una vettura è l’estensione del suo personaggio. E quindi ritornare a quell’affidabile, stoica Charger è stato molto divertente. E’ stato un po’ come ritrovare una vecchia amica—come tornare a lavorare con un collega conosciuto tanti anni prima”.

Per finire ecco i link a tutte le parti in cui abbiamo diviso il pressbook: