0

Il pressbook di Fast and Furious 5/6: Da Los Angeles al Messico girando "on location"

Fast and Furious Solo parti originali Vin Diesel Paul Walker Michelle Rodriguez Jordana Brewster 25

Ci siamo quasi ragazzi: eccoci al penultimo appuntamento con il pressbook di Fast and Furious – Solo parti originali, Domani avremo terminato questo breve, ma intenso (spero) incontro, con il quale abbiamo voluto approfondire con tutti i fan della saga e anche con coloro che si fossero avvicinati per la prima volta al mondo di Fast and Furious.

Un breve riepilogo e poi via con la nuova puntata:

Tornando alle origini di The Fast and the Furious, i realizzatori sapevano che sarebbe stato un peccato non rivisitare la città che era stata d’aiuto nel lanciare la cultura delle corse automobilistiche su strada. Capannoni vuoti e lunghi tratti di strada asfaltata a malapena illuminati dalle luci della città — nella parte più ad est di downtown Los Angeles — avrebbero ospitato ancora una volta il set della scena sexy clandestina. La maggior parte del girato durante gli 85 giorni di riprese è stato in esterni a L.A. e nelle zone immediatamente confinanti. Alcuni set sono stati realizzati a Sylmar e a Culver City.

Altrettanto importante era far ritorno ad alcune delle location precedentemente utilizzate in The Fast and the Furious — nello specifico, la costruzione più identificabile, la casa di Toretto, e il quartiere circostante di Echo Park, a Los Angeles. La settimana delle riprese notturne ha scatenato i ricordi di attori e troupe, ed anche quella dei curiosi che vi assistevano, scattando foto, provando nostalgia ed emozionandosi. Secondo il produttore Moritz, quelli erano solo alcuni dei

“molti giorni trascorsi sul set che mi hanno riportato indietro al primo film e fatto provare lo stesso spirito cameratesco dell’epoca”.

Fast and Furious Solo parti originali Vin Diesel Paul Walker Michelle Rodriguez Jordana Brewster 02

Ma tornando a girare negli stessi luoghi otto anni dopo, i realizzatori si sono trovati di fronte ad un paesaggio molto cambiato. Sebbene la casa di Toretto fosse ancora in piedi, i nuovi proprietari ne avevano demolito il garage sul retro, quello che ospitava l’amata Dodge Charger di Dom. Comunque non si è trattato di un grosso problema per la scenografa Ida Random: la sua squadra lo ha ricostruito alla perfezione, fin nei minimi dettagli.
Los Angeles, Miami e Tokyo hanno fatto da sfondo ai primi tre film, e adesso le luci della ribalta del quattro erano tutti sul Messico. Il film è anche intessuto di cultura latino-americana —dalla sequenza da batticuore iniziale nella Repubblica Dominicana (DR) alle polverose e roboanti sequenze girate nel deserto messicano e nei tunnel degli spacciatori.

L’idea di utilizzare la Repubblica Dominicana in Fast & Furious – Solo parti originali è stata di Diesel. I riferimenti al Selvaggio West sono stati sempre parte integrante della serie, e la bellezza selvaggia della DR funzionava come nascondiglio ideale per Dom e Letty mentre cercano di rifarsi una vita al sud del confine statunitense. Per ricreare le varie regioni della DR, la squadra di Lin ha scelto varie zone della California del sud.

La sequenza iniziale ha inizio con un’auto cisterna per trasporto carburante che insegue un tir lungo un’autostrada della DR, stabilendo lo standard per l’azione senza limiti del film. Letty e Dom sono a capo della banda di piloti da corsa che organizzano il complicato lavoro. I realizzatori hanno discusso con lo sceneggiatore Morgan del complicato problema del carburante in quella zona e di come il petrolio sia una cosa fondamentale in alcune regioni dove manca e che possono essere lasciate all’asciutto…a volte per intere settimane.

Diesel spiega:

“Quello in cui Dom si è dimostrato veramente bravo, costruendosi una reputazione nel mondo della clandestinità, è il furto di cose in movimento. E’ un bandito moderno, che assomiglia però molto ai banditi del Far West. Quando lo vediamo in azione, sta rubando carburante non solo per se stesso, ma per gli abitanti di un’intera zona sottoposta ad aumenti del petrolio esorbitanti”.

Fast Furious Solo parti originali Vin Diesel Paul Walker Jordana Brewster 09

Le autocisterne in fuga che Dom e Letty inseguono, sono state riprese nelle strade di montagna della Templin Highway — che corre accanto alla Golden State Freeway, a nord di Los Angeles. La costa di San Pedro, illuminata dalle torce, a sud di Los Angeles, ha ospitato il party sulla spiaggia che, alla fine dell’inseguimento, Dom e Letty danno per festeggiare il furto del carburante (ed evitare una morte quasi certa). Ovviamente, la scena è stata completata dalle bellezze sexy che non possono mancare ad una festa tra le stupende auto del caso.

Le scene in Messico sono state girate in vari luoghi. La maggior parte sono state realizzate sullo sfondo dei polverosi paesaggio della Antelope Valley’s Acton e di Canyon County, mentre gli elementi più tipici del Messico di provincia non potevano venir ricreati. Attori e troupe si sono allora trasferiti nella piccola città di provincia di Magdalena de Kino al confine messicano, nella zona di Sonora. E poi le riprese sono continuate per un’altra settimana all’interno della città.

A completare la squadra produttiva, un gruppo di artisti hanno collaborato alla realizzazione di questo ultimo film. Alcuni sono dei nuovi membri, come il direttore della fotografia Amir Mokri, mentre altri sono nomi già conosciuti, come la scenografa Ida Random, la costumista Sanja Milkovic Hays, il coordinatore delle automobili in scena Dennis McCarthy e il regista della 2a unità, Terry S. Leonard.

Delle persone che hanno contribuito alla realizzazione di questo quarto film della serie, il regista Lin dice:

“Uno dei veri lussi nel realizzare un film dal grosso budget è che ti trovi a lavorare con i migliori artisti e con i migliori tecnici sulla piazza — le persone più creative dell’industria del cinema. Poter contare su una cosa simile e utilizzare al massimo le capacità di ciascuno di loro è stato uno dei privilegi nel realizzare Fast & Furious – Solo parti originali”.